Digitalcomedynonsense’s Blog

Solo un altro scribacchino noir & pulp

il Tatto di Frank Crash

Dare una notizia poco gradevole, avvicinarsi ad una persona con problemi, affrontare delicate trattative: tutte cose che Frank crede fermamente di saper gestire con abilità e diplomazia. La sua abilità tattica mostra lacune e profonde deficienze nell’arte di sapersi intortare una persona, nel momento in cui cerca il contatto con qualcuno, inevitabilmente Frank mostra tutta la sua ingombrante personalità, arrivando ad irritare ed a mettere sulle difensive l’oggetto della sua attenzione.

Il suo “Salve, come butta?” non è un saluto profondamente diplomatico, il suo atteggiamento aggressivo non mette a proprio agio le persone ed il suo continuo imitare, voler compiacere, confondersi e ridacchiare lo fa sembrare superficiale e poco attento. Cosa che spesso e volentieri è.

Frank si è misurato con la diplomazia diverse volte, riuscendo a fare la parte del perfetto imbecille senza alcuna difficoltà. Ma spesso il suo comportamento disarticolato non rispecchia la sua reale persona. Quando si trova davanti ad un ostacolo, Frank non cerca di aggirarlo, lui agisce d’impulso, lo salta a piè pari e questo il più delle volte porta a risultati devastanti, a ruzzoloni tremendi – metaforicamente parlando e non-

Frank non ha tatto. E’ irruento, parla a vanvera, non tiene conto della sensibilità della persona che ha di fronte, tratta tutti invariabilmente allo stesso modo, senza preoccuparsi del rispetto, dell’età, dell’importanza, del ceto sociale e di tutto il resto.

Frank tratta allo stesso modo uomini, donne ed animali di qualunque età e posizione, quando si trova davanti qualcuno che soffre di una malattia o di un difetto congenito, non può fare a meno di mettere il dito nella piaga, di sottolineare la diversità e questo perchè per lui è la diversità che costituisce l’essenza della persona. E lui è abituato ad andare subito al nocciolo della questione.

febbraio 2, 2009 Posted by | Writing | , | Lascia un commento