Digitalcomedynonsense’s Blog

Solo un altro scribacchino noir & pulp

Frank on tour

Frank sta viaggiando con il suo tour in giro per torino e provincia… oltre che essere perennemente presente su internet

Dopo aver girovagato per Prunetto ed aver infestato il Castello medievale, dopo aver caracollato per Collegno ed essersi perso nella Sala delle Arti e dopo aver fatto piovere a San Gillio, ecco che il nostro eroe venerdì vi aspetta alla Libreria Massena28 a Torino
(in via Massena, 28)

per una seratina allegra.

“>

Annunci

dicembre 2, 2009 Posted by | Writing | , , , , | Lascia un commento

La nuova avventura di Frank

Dopo “l’inquietante”, se così si può dire, avventura estiva di Frank (alle prese, con cani, trattori e bacucche), il nostro eroe torna nella giungla metropolitana per una nuova sfida!
Il Commissario Hartley trova il cadavere di un commerciante d’arte, tale Pippo Wu, e per investigare nel bel mondo della pittura e dei falsi d’autore, quale Detective più falso di Frank?
Il nostro beneamato si inoltrerà sotto copertura per sondare i misteri legati all’assassinio di Wu e, naturalmente, per far bella mostra di sè e della sua spiccata predisposizione artistica.
Tutto questo nella nuova indagine:

FRANK CRASH
e
LA LEGGENDA DEL BABBIONE

ottobre 30, 2009 Posted by | Writing | , , , , | Lascia un commento

Frank e il Piano C

Il Piano C non va preso alla leggera, nasconde insidie ed è molto difficile da attuare e cosa più importante secondo Frank, non è anticipato da nessun Piano A o B.

Quando si rimane senza indizi, ma si riesce a circoscrivere il numero di sospetti (o “papabili” come dice Frank) allora la carta vincente che rimane è quella del Piano C. Detto anche Piano a Caso visto che si sceglie tra i sospetti quello che sembra il più messo male e si decide di fargli credere, via sottili menzogne o bigliettini insidiosi, che oramai si sa la verità ed è inutile nascondersi.

Ma funziona?

Alcune volte sì ed altre no; non da la certezza del risultato pieno dato che è come “lanciare un petardo nel buio”, ma se si sono fatti bene i calcoli sulla psicologia dell’individuo in questione si possono ottenere risultati insperati.

E’ proprio questo Piano che Frank ha deciso di attuare, nonostante i pareri avversi di chi gli sta accanto. La probabilità di riuscita è del 50% – non ci sono garanzie e non ci sono rimborsi. Frank ci mette la sua faccia, si espone al pericolo, non bada alle conseguenze e non gliene frega niente. Se riuscirà sarà un’altra personale vittoria, se fallirà dovrà ricominciare tutto da capo.

aprile 11, 2009 Posted by | Writing | , , , , , | Lascia un commento

Tirare le fila

Quando gli elementi utili si sommano, il detective giunge alle conclusioni. C’è chi ci giunge prima, per pura deduzione, come Holmes o Wolfe e c’è chi spesso si scontra con la realtà alla stregua di Spade o Marlowe.
E c’è anche chi, come Crash, non sa bene ed esattamente quanti elementi ci vogliano per arrivare ad una conclusione e neppure se sia il momento giusto per tirare le fila dell’indagine.

Sicuramente in cuor suo Frank è desideroso di finire le indagini al più presto, è il suo lavoro e gli piace però preferisce i momento di tregua tra un caso e l’altro, gli attimi di inedia, le settimane di staticità, i mesi di ozio. Non si nutre del suo lavoro, non é un cosiddetto workaholic, non è dipendente dalla cronaca nera, bensì preferisce usare il mestiere di investigatore come tramite per arrivare a conoscere meglio il genere umano ed il suo modo di vedere il mondo.
Che lui spesso non condivide.

Molti investigatori radunano i sospetti in una stanza, porgono loro le ultime domande ed infine riassumono i punti salienti e cruciali incastrando il colpevole a suon di prove davanti a tutti gli ex sospettati ed ora novelli testimoni. Altri tendono trappole in cui l’assassino cade con tutte le scarpe, auto accusandosi o portando prove inconfutabili della sua colpevolezza. Altri investigatori ancora, invece, arrivano alla lotta finale con l’omicida che si rivela essere l’unico di cui il povero eroe ancora si fidava, ingaggiando con lui una lotta a colpi di botte più che di battute, magari con un bel inseguimentino e qualche salto sui tetti.

Per Frank è diverso, lui non ha metodo, non ha organizzazione e non ha aspettative. A parte forse per il famoso metodo Eureka – quello che insegna che: meno si pensa al caso e prima arriverà la soluzione.
Frank parte svantaggiato rispetto ai suoi colleghi, si lascia distrarre facilmente, scorda i momenticruciali nelle indagini, non presta attenzione ai particolari, ma alla fine, quando si tratta di tirare le fila di tutta l’avventura, come per miracolo, ogni cosa pare combaciare, i tasselli del puzzle si mettono a posto e la verità si materializza così evidente che neanche ad un idiota potrebbe sfuggire.

E meno male.

Perché altrimenti non ci sarebbe alcun lieto fine, il colpevole non verrebbe consegnato alla giustizia e tutto quanto si rivelerebbe una lunga perdita di tempo, una scempiaggine atroce e un balbettio confuso.
O forse no.
Forse Frank non riesce sempre nel suo intento, forse ogni tanto gli capita di fare un buco nell’acqua.

Può essere così come può non esserlo. Frank è un essere umano, per quanto insulso e deprecabile e non sempre gli essere umani raggiungono la verità.

Lasciamogli un po’ di fiducia e speriamo che anche questa volta il nostro piccolo, scassato, vanitoso detective dai completini improponibili e il tatto di una betoniera, magari per merito di circostanze fortuite o per grazia divina o forse proprio per le sue capacità cognitive riesca a mettere un trionfante colpo dritto a segno. Dimostrando così, ancora una volta, di saper fare il proprio lavoro.

Dopotutto, come ha detto lui un paio di volte: “sbagliare è divino, perdonare è diabolico” o forse era: “sbagliare è diabolico, perseverare è divino” oppure era: “perdonare è diabolico, sbagliare è divino” …

Comunque sia c’entravano di sicuro Dio e il Diavolo, il Bene ed il Male, l’Ying e lo Yang, la Ferrari e la McLaren.

marzo 31, 2009 Posted by | Writing | , , , , | Lascia un commento

Frank Crash e il ballo

Quando il ritmo si scatena e gli amplificatori cominciano a pompare adrenalina nel fragile corpo di Frank Crash, non c’è più nulla da fare, lasciate la stanza perchè state per assistere ad uno spettacolo ad alto pericolo coronarico:

Frank Crash si lascerà tentare dal muovere qualche poco equilibrato passo di danza.

C’è chi ama ballare e ‘è chi lo odia, ma non si può negare che a volte anche chi ami ballare con tutto il desiderio possibile, purtroppo, non ne sia completamente in grado. Frank non è insensibile alla musica, se ne nutre, la ascolta assiduamente (cuffiette in testa e iPod alla mano) e se ne serve per chiarire i suoi rimuginamenti e le sue deduzioni. E quando arriva in una stanza dove il ritmo è sparso a piene mani e riempie ogni angolo, non può evitare di finirne coinvolto.

Il suo corpo disorganizzato comincia a muoversi indipendentemente dalla sua volontà, manine e piedini si scatenano e il disastro si compie. Non riuscendo a distinguere tra musica classica, rock, pop, blues e compagnia bella, Frank solitamente esegue un medley di tutti i passi che conosce e che ha visto in performance al cinema e a teatro.

Credendosi novello Fred Astaire, afferra la prima persona che trova (uomo, donna o animale) e si scatena in quello che sembra un attacco epilettico senza alcuna vergogna tranne quella per chi assiste. Un doppio passo, un accenno di break dance, un po’ di robot anni Ottanta e qualche saltello lo rendono uno spettacolo divertente e anche un tantino insultante per chi la musica la sa ballare per davvero.

Ma non c’è tempo ne spazio per la vergogna, quello che Frank esegue è il ballo perfetto, il compendio di tutti gli stili e di tutte le epoche.

Peccato che eseguito nel suo solito completino sgargiante, senza alcun rispetto per le regole musicali e, naturalmente, con grande senso del palcoscenico, renda insopportabile la sua vista ai più.

 

febbraio 19, 2009 Posted by | Writing | , , , , | Lascia un commento

Scrivere in Musica

Per ottenere un buon ritmo di narrazione e il così detto “pace” nei dialoghi e nelle descrizioni, solitamente mi affido a vari generi di musica: dal rock di Matt Willis, ai Sonata Arctica, alle atmosfere più “spiritate” dei Kashtin, Figgy Duff o degli Spirit of the West.

Per Frank nessuno di loro funziona a dovere, il ritmo volutamente più slapstick è meno “spiritato” e più “spiritoso”. Per adeguarmi al suo carattere e alle sue necessità ho dovuto rivolgermi  a musiche meno convenzionali e più adatte alle sue distorte percezioni del mondo. Non che la musica che ho scelto sia distorta in se, bensì è semplicemente calzante per il suo modo di muoversi e vivere le emozioni che lo circondano.

Per le scene di ispezione, movimento e dialogo ho scelto Henry Mancini:

The Inspector Clouseau Theme è perfetto per ogni volta che Frank si sposta da un posto all’altro,

Bier Fest Polka e Shades of Sennett per i dialoghi e gli incontri con persone nuove (e non)

Hong Kong Fireworks e Pie in the Face Polka per le scene più concitate

Mentre per i momenti di riflessione ed introspezione e le scene che necessitano di una serietà di fondo (per quanto Frank riesca ad essere serio) Dance Macabre di Camille Saint-Saens è meravigliosamente attinente e Kismet delle Bond rende bene la sua natura narcisistica. 

Per i movimenti e la psicologia degli altri personaggi, da Nick a Bastianatte per intenderci, ho scelto l’album Hooked on Classic de The Royal Philarmonica Orchestra & Louis Clark

Premettendo che la musica è un elemento fondamentale nella costruzione di un film, tale è, in ugual misura, nell’ideazione e nella stesura di un libro. La colonna sonora di un libro è ugualmente importante nella scrittura come nella lettura e dovrebbe essere inclusa all’acquisto del romanzo. Ascoltare musica mentre si legge pone l’accento sulle emozioni del personaggio ed il ritmo accompagna l’azione con un crescendo che, se ben rispecchiato, avvince e confonde. E la confusione non è mai una brutta cosa. Peccato che, se la colonna sonora di un romanzo fosse compresa al momento dell’acquisto, il prezzo del volume sarebbe un ostacolo insormontabile per le finanze dei lettori, ma una soluzione, come sempre, c’è.

Per scaricare in maniera legale basta affidarsi ad iTunes, mentre per altri metodi, declino ogni responsabilità.

Un po’ come il meraviglioso Stephen Fry ha scritto nella premessa del suo libro Hippopotamus:

L’autore desidera ringraziare Matthew Rice per l’insostituibile aiuto prestato per la stesura delle scene di caccia. Qualsiasi inesattezza fosse contenuta in tali parti è di sua completa responsabilità

febbraio 12, 2009 Posted by | Writing | , , , , , | Lascia un commento

Frank Crash e i difetti fisici

Un bozzo, una bocca storta, sopracciglia troppo cespugliose, un naso esagerato od occhi sporgenti sono solo alcuni dei difetti fisici che impressionano e sottilmente traumatizzano Frank.
Quando il suo sguardo cade su un difetto fisico, su qualcuno che zoppica, su menomazioni o infortuni vari la sua mente collassa, il suo pensiero si blocca, l’immagine dell’imperfezione fisica si fissa nella sua mente e nulla riesce a distrarlo. Prima o poi farà un commento poco gentile durante una conversazione o assumerà inconsciamente il difetto integrandolo nella sua personalità.

Tenderà a zoppicare anche lui o a storcere la bocca o si toccherà ripetutamente il viso dove immagina di avere anche lui il suddetto bozzo. Diventerà irritante, maleducato, rozzo e scorretto politicamente.  

Frank non ha il completo controllo su se stesso, non riesce ad esimersi dal fissare, toccare, parlare a sproposito, fare commenti disdicevoli, usare termini impropri, attirarsi antipatie. E’ fatto così, nulla lo tocca e lo attira di più dalla diversità, diventa un orsetto attaccato ad un barattolo di miele, se ne nutre e ne vuole sempre di più. La sua antisocialità si sviluppa a velocità impressionante e blatera di cose senza senso andando sempre a stuzzicare il dente che duole. Non lo fa di proposito, è la sua natura senza moralità e freni.

gennaio 20, 2009 Posted by | Writing | , , , | Lascia un commento

Frank Crash e il bene e il male

Frank ha difficoltà a relazionarsi con la società, ma questo lui non lo sa. Secondo la sua testa tutti provano un’incommensurabile adorazione verso di lui, tutti lo stimano, tutti lo amano, tutti vorrebbero vestirsi come lui, addirittura tutti vorrebbero ESSERE come lui.

Ma nella realtà Frank Crash non è così over-stimato. Di lui si può dire di tutto tranne che sia intelligente, si vesta bene, sappia condurre una conversazione ed abbia un pensiero coerente. Anche i suoi gusti sono discutibili. Lui stesso è discutibile. 

Eppure marcia trionfante nella vita quotidiana deridendo chi si prende gioco di lui e tessendosi le lodi da solo. Perchè è questo quello che sa fare meglio: auto lodarsi. Il problema in questo genere di narcisismo sta nel capire quando lui sia veramente nel giusto e quando ciò che dice è, diciamolo schietto, una minchiata. Perchè spesso e volentieri quando decanta le proprie lodi Frank perde il lume della ragione e non si accorge che le persone intorno a lui stanno fremendo dal nervoso, sbuffano fumo dalle narici e non lo sopportano più. Anche quando è nel pieno del torto (si dice nel pieno della ragione, perchè non anche nel pieno del torto?) Frank è convinto di avere ragione, di essere tra coloro che sono illuminati e di poter condurre tutti gli altri verso il vero sapere.

La società lo affascina con i suoi costumi ed i suoi modi di dire che lui continuamente confonde e non comprende; lui vorrebbe essere parte integrante di un mondo che t’insegna il rispetto reciproco e dimostra il contrario, lui vorrebbe sapere esattamente il modo giusto di comportarsi in ogni situazione, ma la sua mente confusa solleva il caos tra ciò che è giusto e ciò che e sbagliato e lui, poverino, si ritrova a fare il baciamano a un uomo e la riverenza ad una signora, a prendere il tea con un francese e il cognac con un inglese e così via, in un susseguirsi di azioni sbagliate ed incomprensioni.

Frank non capisce ciò che è giusto e ciò che è sbagliato, non riesce a distinguere tra il bene ed il male in modo pieno e completo. Quello che lui vede è filtrato dalla sua fantasia, diventa un tramite tra lui e il mondo esterno per permettergli di relazionarsi alla sua maniera, senza arte nè parte, senza controllo e senza freno, in modo per lui naturale.

Frank è un Detective, lui si scontra tutti i giorni (beh, quando trova un lavoretto) con il male ed è convinto di agire per il bene. Rimane però affascinato dagli omicidi per necessità. Quelli in cui la vittima è un vera carogna, che si fa odiare e si fa uccidere. Lì Frank rimane catturato dalla curiosità, si lascia intrigare tra i pensieri ed i moventi, comprende le ragioni dell’assassino (o assassina che sia, il sesso spesso non è rilevante) e quasi si schiera dalla sua parte, non vedendo l’ora di catturarlo per metterlo di fronte a ciò che ha fatto e sentirsi dare una spiegazione.

“Lui mi ha spinto a farlo!” grida spesso e volentieri l’assassino al momento della confessione (quando c’è) “mi ha costretto!” e Frank ride. Ride perchè è passato lui dalla parte del male che ha catturato l’assassino che era prima un vittima di colui che ha ucciso che a sua volta era un carnefice. Male chiama male e Frank il vendicatore, con la sua mente contorta e maniacale, aspetta sempre il momento buono per mostrarsi quello che è. detective1

gennaio 10, 2009 Posted by | Writing | , , , , , , , , | Lascia un commento

FRANK CRASH

Frank Crash è un detective. 

Un detective paranoico, narcisista, maniaco, maleducato, per niente “politicamente corretto”, un po’ stupido, superficiale, credulone e sbruffone.

Provo un sentimento particolare verso di lui, l’ho amato da quando ho scritto il suo primo racconto, poi ne ho scritti altri tre ma non li ho mai pubblicati. Non ho mai rischiato tanto, ho preferito andare sul sicuro e pubblicare un thriller e un fantasy, roba che si legge insomma, non storielle di un detective scemo che non sa neanche quello che dice.

Eppure tra i miei amici, le avventure di Frank sono le più conosciute e le più amate. Perchè lui indossa completini sgargianti, cappelli improponibili, fa confusione tra i sessi, si confonde tra i modi di dire e non seguire il filo di un discorso per più di due minuti.

Lui “ride a quattro palmenti” , dice cose “a crepapelle” e confonde l’annuire con il negare. 

Ma forse proprio perchè è così naturale e senza peli sulla lingua che piace tanto; allora ho preso saldamente il toro per le corna ed ho deciso di cimentarmi nel Primo Romanzo Lungo su Frank Crash. Ancora devo decidere il titolo, quella è l’ultima cosa che mi riesce – non sono un granchè nel decidere in una frase tutto quello che sono 200 o 300 paginuzze.

Credo che Frank ne rimarrà onorato, dato anche il fatto che lui scrive in prima persona e quindi è anche un po’ me, mi assomiglia (non credo che dovrei vantarmene) e riflette un po’ tutto quello che vorrei dire ma che la il mondo non approverebbe. Così se è lui ad esprimere i miei pensieri, tanto meglio, nessuno può prendersela con un personaggio di fantasia, nato solo per divertire chi ha voglia di dargli una sbirciata. 😀

Dio come mi fa felice questa cosa!

detective

gennaio 9, 2009 Posted by | Writing | , , , , , , | Lascia un commento