Digitalcomedynonsense’s Blog

Solo un altro scribacchino noir & pulp

La struttura dello scrittore

E’ così, uno scrittore deve avere una struttura, non può dimostrarsi un invertebrato tanto cretino quanto imbecille nel non sapere come strutturare quello che sta scrivendo. 

Io di solito non strutturo niente.

Questo fa di me ancor più un cretino ed un imbecille di quanto già non sia per natura, ma non è cosa che faccio di proposito. Inizio con tutte le buone intenzioni del caso, mi dico:

ora butto giù una scaletta e definisco TUTTA la trama, poi analizzo i personaggi ed infine i colpi di scena. e poi, dulcis in fundo, mi dedico a scribacchiare seguendo pedestremente ciò che ho costruito nella mia beneamata scaletta”

Fosse così facile!

e invece mi ritrovo dopo l’inizio del primo capitolo ad aver già cambiato protagonista, plot e tutto il contorno. Come se fossi andato in un sushi bar con l’intenzione di mangiare del sushi e mi fossi ritrovato ad ingurgitare del kebab.

E questo fa di me un cretino ed un imbecille. E della mia scaletta non rimangono altro che linee tracciate malamente (Arcibaldo è andato ad uccidere Anacleto) e pasticci convulsi e confusi. 

Questo però non mi demoralizza, ne mi spaventa, ne mi rende meno temerario nel continuare la mia missione: portare avanti l’ultima avventura del mio amato protagonista: Frank Crash. E se ci riuscirò lo dovrò senza dubbio alla mia cretineria ed imbecillità, perchè alla fine le cose senza struttura, improvvisate ed espansive (perchè espansive solo il buon Dio lo sa) sono quelle che mi riescono meglio e fanno di me uno scrittore invertebrato ma non da buttare via. 

A presto.

Loris

gennaio 9, 2009 Posted by | Writing | , , , | Lascia un commento